Emulando i templi di Roma, s’innalzano queste mura, visibili da lontano, di su le ampie distese marine, agli stanchi naviganti (...) è costruttore e signore il cattolico principe Arechi, bello di corpo ma più di animo, insigne nelle qualità morali e nelle armi.

 

 

Paolo Diacono, Carme per gli edifici e le fortificazioni di     Salerno

 

Codex Legum Langobardorum (XI secolo)